Digital lifestyle, cultura tecnologica, tendenza hi-tech: MacReport è il magazine che ti accompagna nel mondo dell'elettronica di consumo.

Fitbit Charge 4, il nuovo punto di riferimento per il fitness.

Nel settore dei cosiddetti Fitness Tracker c’è un nome di assoluto riferimento: Fitbit. Nonostante l’ingresso sul mercato di molti e agguerriti concorrenti, l’azienda americana ha mantenuto nel corso degli anni una posizione di prestigio nel settore, agevolata da prodotti di qualità e da un software realmente completo, con in più una user experience ottimizzata.

 

Fitbit Charge 4 è l’ultimo erede di una grande famiglia di braccialetti per il fitness che si è arricchita, anno dopo anno, di nuove feature, di più potenza, funzionalità e di un nuovo design, ma senza mai dimenticare l’obiettivo finale: essere il punto di riferimento per il benessere e il fitness individuale. Charge 4 attinge a piene mani dalla tradizione del marchio e dai prodotti delle generazioni precedenti: è un prodotto sottile, leggerissimo, curato dal punto di vista estetico e supportato da un software allo stato dell’arte. Il dispositivo offre una serie di funzionalità peculiari come la rilevazione continua del battito cardiaco, la resistenza all’acqua fino a 50 metri, la funzionalità di monitoraggio del sonno e, novità assoluta, il GPS integrato, che abilita svariate funzionalità come la mappa d’intensità dell’allenamento, nonché la possibilità di tracciare ritmo e distanza durante tutte le sessioni.

 

Non mancano, poi, la possibilità di allenarsi impostando specifici obiettivi, i promemoria, il riconoscimento automatico del tipo di attività e anche la possibilità di seguire delle sessioni di respirazione guidata, fondamentali per il rilassamento durante la frenesia delle nostre giornate. Il collegamento Bluetooth con lo smartphone permette inoltre a Fitbit Charge 4 di ricevere notifiche, avvisi di chiamata, segnalazioni di appuntamenti in calendario e molto altro, rendendo così il dispositivo anche un assistente personale.

 

Tutto ciò, compreso appunto il GPS e il monitoraggio cardio costante per 24 ore al giorno, non intacca i livelli di autonomia, altro importantissimo parametro su cui valutare l’acquisto del fitness tracker: la durata della batteria può raggiungere i 7 giorni, rendendo così il “rituale” della ricarica periodica tutt’altro che un fastidio.

pubblicato
10 Aprile 2020

aggiornato
3 giorni fa